Bonus Diabete: importo da 500 euro


Il Bonus Diabete è un incentivo destinato ai cittadini italiani che soffrono di iperglicemia, ovvero glicemia alta in fase avanzata. Ma non basta certificare la presenza del diabete per ottenere l’agevolazione, è necessario anche dimostrare che la malattia provoca al paziente una certa percentuale di invalidità a lavorare. 

Esistono due forme di diabete, il tipo 1 e il tipo 2. Il primo si manifesta maggiormente nei giovani sotto i 30 anni. Mentre il secondo tende ad insorgere con l’avanzare dell’età, e comporta spesso una notevole riduzione delle capacità lavorative.

È per questo motivo che l’INPS ha istituito il Bonus Diabete, al fine di agevolare i pazienti che dimostrino di avere il diabete e di essere per questo invalidati nell’attività lavorativa. L’incentivo è valido per tutto il 2020. 

Bonus Diabete: come funziona

Il Bonus Diabete viene concesso senza tener conto della soglia di reddito del paziente o della sua famiglia. Inoltre è esente da tassazione, quindi non è necessario dichiararlo nella Dichiarazione dei redditi. 

L’importo è pari a 517,84 euro al mese per 12 mesi. Per ottenerlo però, è necessario dimostrare che la malattia si trovi ad uno stadio avanzato, e che quindi riduca le capacità lavorative del richiedente. 

Per prima cosa quindi, bisogna tener conto della tabella di invalidità legata al diabete. In sostanza, l’INPS accetta la richiesta del cittadino solo se la percentuale di invalidità viene attestata pari o superiore al 74%. Mentre la capacità lavorativa dovrà risultare ridotta a meno di un terzo, ovvero al 67%. 

È bene ricordare che nei casi di diabete in stato gravemente avanzato, si può aver diritto alla pensione anticipata. Però, è necessario avere un’invalidità accertata all’80% e aver versato minimo 20 anni di contributi. Gli uomini devono avere almeno 60 anni e 7 mesi di età, mentre le donne devono aver raggiunto 55 anni e 7 mesi di età. 

Leggi:  🥇I 5 migliori probiotici per sgonfiare la pancia (evviva!)

Iter per invio e accettazione della domanda

Per richiedere il Bonus Diabete si deve seguire un iter burocratico ben preciso. Innanzitutto, il paziente diabetico dovrà recarsi dal proprio medico per sottoscrivere il certificato che dimostri la presenza della patologia. Dopo aver fatto la visita, il medico dovrà inviare il documento all’INPS entro 90 giorni. 

Dopodiché, il paziente dovrà presentare domanda per il Bonus Diabete all’INPS per via telematica, allegando di nuovo anche qui lo stesso certificato firmato dal proprio medico. 

A quel punto, l’Istituto provvederà a convocare il paziente diabetico per effettuare un’ultima visita condotta da una Commissione medica. Questa valuterà lo stato del richiedente e ne decreterà il livello di invalidità lavorativa. 

Se l’invalidità sarà valutata pari o superiore al 67%, l’INPS accetterà la domanda del cittadino e gli garantirà un incentivo pari a 517, 84 euro per 12 mesi. L’importo non sarà concesso in percentuale, ma sarà fisso per tutti gli accettati. 

Nel caso in cui invece la Commissione medica non ritenga lo stato di diabete così avanzato da provocare tale livello di invalidità, la domanda sarà rifiutata. Il cittadino ha la possibilità di fare ricorso entro 6 mesi dalla notifica. 

Articoli Recenti