Come si scalda il latte liquido per neonati ?


Nutrire un bambino è sempre una questione complessa, soprattutto per i neogenitori. Quando il bimbo raggiunge i 6 mesi, su indicazione del medico, si inizia a introdurre quella che viene chiamata alimentazione complementare, che consiste nell’arricchire la dieta del neonato con cibi diversi e in maggiori quantità.

In questa fase, i bambini iniziano a bere più regolarmente il latte di proseguimento come parte di una dieta diversificata, il che implica dover preparare i biberon su base ricorrente ma facendo attenzione a un dettaglio in particolare: la temperatura.

Il latte materno è l’alimento più appropriato per un bambino, in quanto fornisce tutti i nutrienti di cui ha bisogno durante i primi mesi di vita.
Sia per i bambini allattati al seno che per i bambini che bevono latte artificiale, ci sono momenti in cui esso deve essere riscaldato. Se il bambino piange, la tentazione è sempre quella di utilizzare il metodo più veloce, il microonde, anche se il suo utilizzo è sconsigliato dai pediatri, sia che si parli di latte materno che di latte artificiale.

scaldare latte neonati materno e artificiale

Esistono altri modi, più salutari e sicuri per riscaldare il latte:

  • mettere la bottiglia in acqua tiepida
  • utilizzare uno scaldabiberon come questo.

Immergere il biberon in acqua tiepida è il modo più economico per riscaldare il latte materno o artificiale. E’ necessario semplicemente riempire un contenitore con acqua tiepida e posizionare la bottiglia (o il sacchetto del latte) all’interno, scuotendola di tanto in tanto per ottenere una temperatura uniforme in tutto il liquido.

Questo processo è più lungo (circa 15-20 minuti) e richiede di essere presenti e attenti, poiché se il riscaldamento impiega troppo tempo, inizierà la proliferazione dei batteri. È anche un metodo però poco preciso, poiché non possiamo conoscere in modo specifico la temperatura alla quale si trova il latte e richiede, pertanto, diversi test per trovare quella giusta.

Se si vuole raggiungere la temperatura ottimale del latte, è meglio usare uno scaldabiberon. Questi dispositivi scongelano e riscaldano in modo intelligente il latte alla temperatura corretta, tenendo conto della temperatura iniziale, del tipo di bottiglia e della quantità di latte.

COME SCALDARE IL LATTE PER NEONATI

L’allattamento al seno del bambino è facile, poiché il latte materno è alla temperatura perfetta, non è necessario riscaldarlo ed è sempre pronto da bere!
Ma non tutte le mamme possono permettersi di essere presenti quando il bambino ha bisogno di mangiare e devono ricorrere, talvolta, all’estrazione con un tiralatte.
Dopo il processo di estrazione, è importante conservare il latte correttamente, in un luogo sicuro, alla giusta temperatura e per il tempo consigliato:

  • A temperatura ambiente (19-26 ° C): da 4 a 6 ore
  • In frigorifero (4ºC): da 72 ore a 8 giorni
  • Nel congelatore (da -17ºC a -20ºC): da 3 a 12 mesi
Leggi:  Miglior umidificatore per neonati

Prima di dare il biberon al bambino, è necessario raggiungere la temperatura ideale in modo che possa prenderlo senza problemi. Il riscaldamento del latte materno è completamente sicuro e facile da realizzare.

Per facilitare sia lo scongelamento che il riscaldamento, è meglio conservare il latte in piccole porzioni, 30-120 ml.

Il riscaldamento deve essere sempre graduale, in questo modo vengono mantenute inalterate tutte le proprietà benefiche del latte.

Il processo è molto semplice e veloce: in soli 5 minuti sarà caldo e pronto da bere, inoltre, il latte rimane tiepido più a lungo e non necessita di supervisione particolare da parte dei genitori.

I pediatri raccomandano di non riscaldare mai il latte materno nel microonde o metterlo a bollire in un contenitore, poiché tutti i nutrienti benefici verranno distrutti e non saranno assorbiti dal neonato.

COME RISCALDARE IL LATTE ARTIFICIALE LIQUIDO FUORI CASA

Se fare le valigie per un viaggio è già abbastanza stressante, fare le valigie con un bambino è una sfida.
Viaggiare con un neonato significa essere equipaggiati con un set completo di accessori per soddisfare tutte le sue esigenze.
Uno degli aspetti più importanti è la sua dieta. La cosa più semplice e comoda da fare è allattare, ma se stai usando latte artificiale o latte materno ottenuto da un tiralatte, avrai bisogno di un modo semplice ma efficace per riscaldarlo ed è qui che inizia la ricerca della tecnica migliore per riscaldare le bottiglie durante il viaggio, ovunque tu vada.

Quali sono le opzioni?

1. Scaldabiberon da viaggio

Quando si è in viaggio, una cucina o un forno a microonde non sono sempre a portata di mano, quindi uno scaldabiberon portatile ( questo ad esempio ha anche l’adattatore per la presa dell’auto) potrebbe essere l’opzione migliore.

Questo tipo di scaldabiberon ha una dimensione più piccola per poterlo trasportare comodamente nella borsa da viaggio del bambino.

Esistono diversi modelli, con caratteristiche differenti: alcuni sono elettrici e hanno una presa adatta per l’uso in auto, rendendoli perfetti per i viaggi su strada. Devi solo aggiungere l’acqua indicata all’interno e inserire la bottiglia: il contenuto si riscalderà in pochi minuti fino a raggiungere la temperatura ottimale per il tuo bambino; altri scaldabiberon sono simil thermos, con un contenitore in cui aggiungere l’acqua calda e inserire la bottiglia in modo che il liquido si scaldi in maniera uniforme, questo è un altro metodo molto veloce per riscaldare il latte.

Sono presenti anche scaldabiberon con borsa termica e batteria interna. Per utilizzarli, è sufficiente fare bollire l’accumulatore fino a renderlo morbido e posizionare poi il biberon all’interno della borsa termica. Quando si vuole riscaldare il latte, basta premere una linguetta per rilasciare il calore accumulato e riscaldare così un biberon o una pappa.

Tutti i modelli sono adatti anche per riscaldare vasetti di frutta o omogeneizzati, inoltre, la maggior parte degli scaldabiberon funziona con quasi tutte le marche di bottiglie e con dimensioni diverse.
Queste soluzioni sono pratiche e convenienti e se si viaggia regolarmente, sono l’opzione più comoda per avere latte o cibo alla temperatura ottimale per il tuo bambino.

Leggi:  Quanto costa affittare una bilancia per neonati?

2. Usare un thermos

I thermos in acciaio inossidabile mantengono i liquidi al loro interno caldi o freddi per diverse ore, quindi sono una buona idea per mantenere tiepido o caldo il latte durante un viaggio.

L’utilizzo è semplicissimo: basta solo aggiungere il latte caldo nel thermos e chiuderlo ermeticamente e quando se ne ha bisogno, si aggiunge il latte alla bottiglia e il gioco è fatto.

Esistono anche thermos specifici per alimenti solidi, come pappe o omogeneizzati, di dimensioni più ridotte e con cucchiaio incluso.
Una volta utilizzato, il thermos deve essere lavato molto bene, soprattutto l’ugello, poiché, avendo molti angoli e fessure, a contatto con il latte e se non pulito bene può sviluppare batteri.

QUANTI GRADI DEVE ESSERE IL LATTE PER NEONATI?

Forse questo è uno dei dubbi più comuni nei neogenitori.
Il latte materno ha una temperatura costante di circa 32 gradi, quindi è necessario assicurarsi che il biberon non superi i 35 o 36 gradi, se è più caldo, molto probabilmente il bambino lo rifiuterà.

COME MISURARE LA TEMPERATURA DEL LATTE PER NEONATI?

Controllare la temperatura della bottiglia sembra un compito molto complesso, ma nulla è più lontano dalla verità.
I neogenitori impareranno presto a controllare la temperatura del biberon prima di dare il latte al bambino. Esiste un piccolo trucchetto che viene usato sin dai tempi più antichi e consiste nel mettere qualche piccola goccia sul dorso della mano per verificare che la temperatura del liquido sia adeguata per il piccolo.

Tuttavia, oggi esistono molti termometri ( anche digitali e sicuramente più comodi) che consentono di controllare in modo rapido la temperatura del latte nella bottiglia.

Articoli Recenti